Chi siamo
Photogallery
News
I nostri partner
Referenze
Lavora con noi
Contatti e preventivi
Area sposi
guide e articoli
Le nostre materie prime
Wedding planner
Feste aziendali
Catering Etnico: la nuova tendenza per il 2012
Asado argentino
Torta nuziale 2013
Catering e Banqueting
Abiti sposa
Ville matrimonio
Organizzazione nozze
Locations matrimonio
Partecipazioni nozze
Bomboniere e Confetti
Viaggi nozze
Feste per bambini
Fiori matrimonio
Foto- video matrimonio
Noleggio auto carrozze
Musica matrimonio
Grafiche matrimonio
Castelli matrimonio
Accoglienza matrimonio
Animazione matrimonio
Altri Servizi matrimonio
Scenografie matrimonio
Chiesa e Municipio
Scadenze matrimonio
Catering Fiera Milano
Siti consigliati
Banqueting Milano
Wedding cake
Matrimonio Lombardia
Nozze Valle d'Aosta
Matrimonio Piemonte
Matrimonio Trentino
Matrimonio Friuli V.G.
Matrimonio Veneto
Matrimonio Liguria
Matrimonio Emilia R.
Location Lombardia
Location Valle d'Aosta
Location Veneto
Location E. Romagna
Location Liguria
Location Piemonte
Ristoranti matrimonio
Location Friuli V. G.
Location Trentino
Banqueting matrimonio
Banchetto matrimonio
Feste aziendali Milano
Locali per feste Milano
Wedding planner Milano
Disposizione tavoli
Matrimonio civile in Villa
Il matrimonio, riti e documenti
Locations per eventi aziendali
Catering Milano
Viaggi di Nozze
Intrattenimento per eventi
Il tema, matrimonio 2012
Facebook
Terminologia catering Milano
Il significato dei fiori
Marchi di certificazione
CASCINA SCOVA
Cascina Scova
Tessuti per tovaglie
La tavola e i suoi segreti
I bicchieri
Tema del Matrimonio 2013

 
Articoli
guide e articoli > I bicchieri


Flute

Con la parola flûte (termine francese che letteralmente significa "flauto"), in italiano fluttino, si indica un bicchiere dal gambo sottile e di forma allungata (il che serve per non scaldare il contenuto tenendolo in mano), utilizzato per la degustazione di vini spumanti e Champagne.
Negli anni trenta la flûte ha progressivamente affiancato l'uso della tradizionale coppa. Questa infatti, che resta comunque molto popolare, permette di apprezzare compiutamente la qualità di un vino Champagne perché, essendo ampia e relativamente instabile, consente alle bollicine di risalire in superficie. Il risultato è una perdita più veloce del frizzante, a volte appositamente ricercata, in particolare per i vini di tipo maggiormente dolce. La progressiva maggiore diffusione dei tipi secchi, proprio a partire dagli anni '30 del novecento ha portato alla sempre maggiore diffusione della flûte, che al contrario, favorisce la risalita delle bolle e di tutti gli aromi liberati dal loro scoppio in uno spazio ristretto, prolungando così l'effervescenza dello Champagne. Viceversa, l'ampia apertura della coppa facilita la dispersione del gas e in tal modo diluisce gli aromi in esso contenuti.