Chi siamo
Photogallery
News
I nostri partner
Referenze
Lavora con noi
Contatti e preventivi
Area sposi

IL MATRIMONIO OGGI

IL VALORE DEL
MATRIMONIO...

IL VALORE DEL
MATRIMONIO (2)

STILI, MODA E
TENDENZE PER IL
MATRIMONIO 2008

WEDDING PLANNER

WEDDING
PLANNERS
NEWS

CORSI PER
WEDDING PLANNERS

MATRIMONIO E MOTORI...

TORTE NUZIALI

TAGLIO DELLA TORTA

I FIORI PER IL
MATRIMONIO

IDEE PER LA CASA

LE NOZZE E
I BAMBINI

L'ESAME
"PARENTI"...

CHEF A DOMICILIO:
CATERING A CASA

BANQUETING
MILANO

CUOCHI A DOMICILIO
A MILANO

VIAGGIO DI
NOZZE

LUNA DI
MIELE

SCHERZI DA
MATRIMONIO

MATRIMONIO
E FIGLI

BOMBONIERE

WHITE TABLE

WEDDING PLANNER

BANQUETING
MILANO (parte 2)

BANQUETING
PER EVENTI

L'ABITO DELLA
SPOSA

COME ORGANIZZARE
UN RICEVIMENTO

LA FIGURA DEL
WEDDING PLANNER

IL BOUQUET
DELLA SPOSA

GLI INVITI E
I RINGRAZIAMENTI
PER UN MATRIMONIO

SCEGLIERE IL LUOGO
PER UN RICEVIMENTO



Chi siamo

QUANDO IL MATRIMONIO DEVE SOPRAVVIVERE ALL’ESAME “PARENTI”

Che bella la storia d’amore di Romeo e Giulietta. Il giorno in cui William Shakespeare partorì questa celeberrima “tragedia”, ambientata a Verona, probabilmente egli stesso si rese conto di quanto fosse coinvolgente e accattivante la sua creatura, ma forse nemmeno lui si sarebbe immaginato del successo intramontabile che questo libro avrebbe avuto nei secoli.
Era il 1594, Shakespeare aveva trent’anni: l’autore impiegò due anni a completare il suo capolavoro, la tormentata relazione tra Giulietta e Romeo. La storia la sappiamo tutti, non è certo mia intenzione raccontarvela di nuovo: un amore finito tragicamente a causa della guerra tra le rispettive famiglie, i Capuleti ed i Montecchi.
Dicevo, era il 1596 quando l’opera fu terminata dal giovane Shakespeare. Sono trascorsi 412 anni, eppure questa vicenda, seppur in termini diversi, è incredibilmente attuale. La relazione tra Romeo e Giulietta finì come sappiamo a causa del pessimo rapporto tra le due famiglie, che finì per rovinare un amore che con molta probabilità sarebbe durato per sempre. Oggi queste cose purtroppo succedono ancora: quante volte un matrimonio finisce a causa dei parenti? Quante volte un rapporto di coppia si incrina per colpa del comportamento dei rispettivi genitori o per molti altri fattori esterni? In Romeo e Giulietta i due amanti non cessano di volersi bene, pagando con le loro vite, nelle relazioni odierne (tralasciando gli epiloghi più tragici) capitano di frequente separazioni e divorzi, che all’apparenza sembrano la soluzione inevitabile. Se però diamo uno sguardo più attento, quante volte capita di vedere una coppia che si riconcilia dopo un periodo di riflessione? Succede spesso, inutile negarlo. Io credo che il problema sia proprio questo: troppe volte l’invadenza del parentame fa vacillare gli equilibri di una coppia, troppo spesso due persone si separano, convinte che sia la fine, salvo poi scoprire che l’amore c’è ancora e capire che le cause di tante sofferenze sono solo legate al comportamento di persone esterne. Nella tragedia di Shakespeare la lotta tra le famiglie ha portato alla morte dei due amanti, al giorno d’oggi le incomprensioni e le differenze culturali tra famiglie possono rovinare i rapporti più consolidati. Non tutti capiscono che una volta che si è formato un nuovo nucleo familiare bisogna lasciarlo camminare sulle sue gambe, senza influenzarlo: in caso contrario non si fa altro che danneggiarlo.